The Buckaroo Roundup 2013…

17 Giugno 2013
January 12, 2017

br1

The BUCKAROO ROUNDUP THREE MAN BRANDING 2013 – Anno speciale. In pochi, ma buoni, riuniti come un branchetto di lupi dal ghigno lucido…Insieme a raccontarci per bene il nostro modo di intendere i cavalli, le tradizioni, il ranch roping e la Vita. Qualcosa di difficile da spiegare. Ma a noi non serve spiegarla. Noi la sentiamo dentro questa cosa qui. Ed è un bel sentire. Siamo un piccolo gruppo di amici che la vedono nello stesso modo. Ma proprio lo stesso intendo. E con questa cosa dentro al cuore ci siamo ritrovati ancora una volta in sella, a lavorare con attenzione e garbo i nostri cavalli secondo le regole della nostra ossessione.  E’ stato Un BUCKAROO ROUNDUP tutto al femminile, a giudicare dalla destrezza delle nostre ragazze… Tutte brave e concentrate e cariche di entusiasmo e belle. Sono loro che hanno “tirato” questa edizione del nostro “classico” meet di Giugno che, per quanto mi riguarda è stato il più giusto di tutti. Un pò per l’atmosfera “di casa” che ha caratterizzato quest’anno, un pò per la sintonia sottile che ci ha legati nel corso delle due giornate e forse anche per l’affezione comune che oramai abbiamo gli uni per gli altri. Siamo stati proprio bene, tutto qui.

photoestrada(c)

Tutto il bel flusso esistenziale che ci ha portati per mano dentro queste belle ,lunghe giornate inizia sempre lentamente… Piano piano ognuno di noi si è messo con gusto a roppare come si deve , cercando la sintonia nel gruppo. Questo è fondamentale per noi ed ha rappresentato l’obbiettivo di quest’anno. Formare dei teams operativi che sappiano collaborare tecnicamente in modo efficiente secondo le tecniche e le tradizioni che studiamo e cerchiamo di affinare con grande sforzo comune.

br19

L’idea generale è quella di riuscire ad evidenziare la differenza che corre tra ” andare a cavallo ” e “Montare a Cavallo” e conoscere con consapevole profondità la totale distanza che esiste tra ” prendere al laccio un manzo” e “fare Ranch Roping “. Questi due argomenti, a casa nostra, sono sempre all’ ordine del giorno e vengono declinati con attenzione da tutti. E così è stato fino a poche ore fa, quando i Lupi di Ranch Academy /ERRA si sono riuniti ancora una volta “sotto la rupe” per “cercare la bellezza ” con una Reata tra le dita ed un cavallo tra le gambe e tutto un sentire (feel) speciale nel cuore. Per NOI il Ranch Roping è poesia, è arte. Per NOI è qualcosa che nobilita la nostra vita di Cavalieri.

br17

So che suona un pò melodrammatico alla “folla là fuori” ma tant’è…a noi non importa…Grandi Maestri come i fratelli Dorrance e Ray Hunt, avevano fatto del Ranch Roping l’espressione massima dell’unione del binomio, il nostro Mentore Buck Brannaman ci segue da vicino e ci incita a studiare questa difficilissima “pazzia”…Credo che le sue parole, più delle mie, possano chiarire e rispondere alle domande che molti ci fanno quando iniziamo a raccontare la nostra “spiritualità” legata al Ranch Roping. Nelle due settimane trascorse con lui tra Wyoming e Colorado, abbiamo parlato a lungo di questo e Buck, con il suo solito calmo ed assertivo gesto linguistico mi ha detto ” Vedi Drew, come dico sempre , ci vuole molto più tempo ad imparare questo mestiere che a prendersi una laurea. Noi dobbiamo sentirci giustamente l’Elite di un sentimento antico che, una volta era riconosciuto universalmente. L’idea del vaquero non era intesa come un becero legavitelli, benì come un abile cavaliere, dal cuore nobile e dalla profonda conoscenza dell’Arte Equestre. Questo voleva dire fare il nostro mestiere e noi abbiamo il dovere di fare in modo che resti così. Drew, non ti arrendere mai, non ti curare di chi ti prende in giro, non ti mescolare con quelli che sviliscono questi principi. Resta puro. Resta vero. Non scendere a compromessi. Ricerca, studia, impegnati senza sosta. Difendi la nostra tradizione e ricordati che non sei solo…io ci sono e ci sarò sempre per te ed i tuoi cavalieri…”

br7

Le parole di Buck sono per me e per noi tutti, munizioni esistenziali fondamentali. Ed hanno continuato a suonarmi in testa per tutte e due le giornate che abbiamo dedicato al NOSTRO Ranch Roping: Il NOSTRO Ranch Roping che per quanto ci riguarda non è una disciplina, non è uno sport, non è un divertimento ma un Arte Equestre. E per questo motivo, per alcuni è estremamente difficile capire…Siamo sempre oggetto di aspre critiche che possono sommarsi in ” …ma questi qui chi si credono di essere …! ” Questi qui non credono di essere niente, ma con grande onore difendono il privilegio di raccontare insieme una storia antica e ricca di tradizione e nobiltà d’animo. Questi qui sono Cavalieri di un certo tipo, gente d’altri tempi, fieri relitti di un’epoca in cui la regola valeva più dell’eccezione. Questi qui siamo noi. E noi siamo noi….(!) Non migliori di altri, non più forti di nessuno, neppure più in gamba di qualcun’altro, ma concedetemelo…diversi, decisamente diversi. E la profonda soddisfazione che ci invade quando condividiamo questo Equitare è più forte di qualsiasi forza, invulnerabile ad ogni contaminazione,  indifferente alle critiche, gagliarda, infrangibile…come la nostra amicizia.

br21

Il BUCKAROO ROUNDUP 2013 è stato davvero straordinario nella comune sensazione di questo sentimento. Aleggiava tra noi un benessere mistico  simile a quello di una banda di Samurai in marcia sullo stesso campo di battaglia, eravamo belli, fieri sereni, sorridenti, pronti. Indifferenti al micidiale caldo che ha tentato di piegarci, lontani da qualsiasi “chiacchiera da bordo arena “, insieme nel nostro Forte, abbiamo raccontato un bel Ranch Roping attraverso “allenamenti funzionali” (W2) pratiche tattiche, lavoro duro e tanto impegno comune. Le ragazze sono state strepitose e tecnicamente TUTTI hanno davvero esibito una crescita tecnica importante con belle prese, e buona gestione del resto. Anche l’introduzione del REATAR , con le nostre corde in cuoio crudo, ha iniziato a stuzzicare l’appetito dei nostri lupi. Io ne ho rotta un’altra (!) ma le abili mani di Sara l’hanno riparata a mestiere. Il nostro Spartaco si è sfoderato la mano ma questi sono incidenti che capitano a chi FA Ranch Roping, non a chi ne parla soltanto. Siamo stati insieme, siamo stati bene , siamo stati, ancora una volta, semplicemente NOI. Grazie di cuore, amici miei. DREW & NATALIA.

photoestrada(c)

More…

Think.

27 Dicembre 2010