HORSE TREKKING

hike6

SUL SENTIERO… (Testo e foto Drew Mischianti/Natalia Estrada ALL RIGHTS RESERVED)

…Esistono Cavalieri che non si curano delle mode, disertano la civile società organizzata e cercano il Sentiero. Esiste gente che preferisce perdersi tra i boschi, che ritrovarsi in città. Un pugno di questa gente si è ritrovata sotto lo stesso cielo grigio come il pelo del lupo, a cavalcare un sentiero ghiaccio e selvatico seguendo l’istinto che chiamava dalle colline di foresta fosche di brina e di mistero. I nostri cavalli fieri e gagliardi a pestare la neve ed il fango con grinta. I nostri pensieri perduti dentro al nebbioso fiato dell’inverno. Voglia d’andare, voglia d’avventura e di fare a botte col freddo là fuori , che per noi ha un valore esistenziale e puro e non è decente nè elegante raccontare. Ma è dentro al nostro animalesco animo e pulsa uguale al cuore di un cervo in corsa. Quel fremito che ti spinge a sellare con qualsiasi tempo e per qualsiasi motivo. Quel richiamo selvaggio che grida in un angolo nascosto dell’anima ed è impossibile e ingiusto non assecondare.

 

Dal Quaderno di Caccia: Ranch Academy Buckaroo Ride…E’una fredda domenica di febbraio. I nostri cavalli ci aspettano nella nebbia ghiacciata. Noi ci fermiamo al nostro Bar del Centro. Al centro del bosco. E’un locale di lusso vero. Le pareti sono fatte d’alberi, il soffitto di cielo, il pavimento di rami, foglie e terra bruna e feconda. Suonano sempre buona musica. Il vento canta tra i tronchi duri di brina, i fagiani chiamano dalla macchia, a volte anche un falco ci manda un fischio e ci strizza l’occhio affilato. E’un locale frequentato da personaggi famosi. I nostri cavalli. E’un locale esclusivo. Apre soltanto per noi. Per arrivarci basta prendere su per la collina, poi lungo il fiume, diritti ancora sulla sterrata e poi ci sei. E’un posto alla moda. La nostra. E tutto quello che c’è non si può comprare. DREW.

hike5

Buckaroo Ride…L’inizio di una lunga missione insieme ai nostri Lupi…Avventura, tecnica, stile, competenza e poche chiacchiere. Il TREK a cavallo fatto come si deve. Seguiteci, nei prossimi mesi escursioni e raids in programma…per affinare le abilità dei nostri cavalli da lavoro. Per vivere all’aperto più possibile. Per divulgare ai pochi veramente interessati… la tradizione e la cultura del cavallo da Ranch con fiera professionalità… No mountain too high, no river too wide…

wpbrand6

C’è chi va a cavallo e chi MONTA A CAVALLO. C’è chi racconta di trekking e spedizioni e chi le fa davvero. C’è chi non importa il tempo, il vento, il tormento, ma sella e va comunque sia ed ovunque si deve. Se siete di quelli che sellano e MONTANO a cavallo e non si portano dietro il fuoristrada ma un cavallo con un basto sulla schiena…allora siete dei nostri. 

kamp9

 Febbraio 1/2 2014 abbiamo iniziato con la nostra  classica…the BUCKAROO RIDE –  Una buona occasione per saperne un pò di più su come veramente si va in giro per posti selvaggi in autonomia.  Un buon raduno di pochi e gagliardi Lupi di Ranch Academy che conoscono il vento tra le criniere dei cavalli e sanno seguire la traccia dell’ Avventura sul sentiero.  Sono state due giornate di Tecnica e Stile. Eravamo pochi. Ma buoni. Gente che davvero ama vivere il Sentiero, il bosco ed il mistero in sella ad un buon cavallo. Il Programma è stato ricco e solido. Sabato: stage di horse trek e someggiatura con Natalia Estrada & Drew Mischianti. Abbiamo trascorso ore in arena a provare e riprovare la sistemazione dei basti, migliorando le conscenze personali e lavorando su pionieristica, nodi e legature, equipaggiamento e conduzione. Poi abbiamo simulato percorsi ed ostacoli da affrontare con la soma al seguito, episodi di bivacco e situazioni difficili e di emergenza. Il tutto organizzato in “palestra” ,( arena coperta ) dove è stato possibile concentrarci sulle tecniche ed i particolari didattici. Consumato un brunch veloce  abbiamo continuato il lavoro fino a sera. In bunkhouse, davanti alla stufa, con un bicchiere di caffè caldo o di ammazzagiganti, ci siamo studiati e raccontati insieme le vecchie tradizioni dei “mountain men ” della Frontiera e di come si siano evolute, specificatamente su diversi territori le tecniche che stiamo apprendendo insieme.

kamp4

Bello è trascorso  il sabato sera… “Mountain Man dinner” … Camino acceso, lupi affamati, storie di cavalli, buon cibo, una serata come piace alla gente come noi… Poi Domenica siamo andati…The Buckaroo Ride…escursione tecnica con pranzo al sacco tra boschi e colline lungo i selvatici sentieri delle Greenways Astigiane…dove abbiamo fatto esperienza tra boschi, colline e pascoli impegnandoci a mettere in pratica gli studi del giorno precedente.

kamp10

Montagne, boschi, monti, campi e pianure…da quest’anno, grazie a Silver Creek Outfitters, sarà possibile attraversare il “Ranch Academy Country ” in sella, su buoni cavalli, condotti da una guida esperta e professionale. Horse treks, Escursioni, pack trips, Horse Camps saranno organizzati settimanalmente da questi storici “lupi” di Ranch Academy che vi faranno scoprire le bellezze naturali e storiche di una regione straordinaria, quella delle colline prealpine del Basso Monferrato che abbiamo eletto come uno dei nostri ” territori di Caccia ” preferiti. Lungo i sentieri e le ippovie delle “Green Ways” segnate sulle mappe di un’area votata al turismo naturalistico e al trekking in genere, potremo scoprire insieme piste “segrete” note soltanto a noi, che battiamo la zona da anni e conosciamo boschi e colline come le nostre tasche….Le due Riserve Naturali che circondano il nostro “open range ” garantiscono l’accesso ad una Natura protetta e selvatica perfetta per essere attraversata a cavallo e dotata di “bridle paths” e punti sosta che raccontano la geologia e la storia naturale dell’area.

hike2

 Ranch Academy guiderà i Cavalieri appassionati di trek e vita all’aria aperta tra foreste, colline e campagne incorniciate dalle imponenti Alpi raggiungibili, per i più esperti, con tappe di avvicinamento in alcuni momenti dedicati all’Equitazione Alpina Sperimentale in collaborazione con i nostri grandi amici dell’ Alpitrek.  Ranch Academy  organizza corsi di someggiatura, horse trek, e campi tematici. E’possibile montare i cavalli del ranch prenotandosi con anticipo o seguire le attività descritte con il proprio cavallo. Info: drewmischianti67@gmail.com

drewdrawing

Into The Wild .

Di Drew Mischianti.
ALL RIGHTS RESERVED (C) PHOTO BY NATALIA ESTRADA ALL RIGHT RESERVED (C)

C’è chi non li ama proprio, i muri, i tetti, le porte, i letti comodi, i bagni con le piastrelle, le stanze, i cassetti.
Tutte queste cose abitano case, scuole, prigioni, alberghi e ospedali.
Esiste una minoranza di esseri umani…NOI… che fugge da tutto questo. Che ha paura di rimanere incastrato nella comodita’. Questa gente scappa via.
E “via” e’ sempre un posto lontano, aperto, disabitato, selvaggio.
Li muove l’inesorabile bisogno di spazio. Li trascina via il medesimo istinto dei lupi, dei bisonti, dei cavalli.
Silenzio. Vento. Rocce. Praterie. Foreste. Fiumi. Cielo.
Spesso sono costretti a rispondere ad una domanda che non conosce soluzione…”perche’ andare dove non vi è nulla, lontano nella scomoda incertezza e nel disagio, lontano dalle comodita’? “
Non si puo’ riuscire a spiegare l’utilita’ dell’ andare via.
Non esiste risposta.
Forse Rheinold Messner è colui che vi si è avvicinato di piu’.
“…Ho inseguito per tutta la vita, l’inutile che mi è stato necessario…”
Quindi questi pochi continuano ad andare. A cavallo, con i cavalli. Per raggiungere un confine che non esiste. Cacciatori di orizzonti, consapevoli della magia. L’orizzonte infatti non si raggiunge mai, continua a spostarsi davanti a te, è immortale, selvaggio, bellissimo.
Ma nell’ andare, nel piantare la tenda ogni notte al bivacco , si impara un pezzetto di verita’, si coltivano contemplazione, umilta’, coraggio e consapevolezza.
Il termine Trekking è spesso usato a sproposito.
Non bastano poche ore dietro la scuderia in sella ad un vecchio castrone per proclamare l’avventura.
Si deve conoscere il bosco nel buio della notte, mentre il tuo cavallo pesta piano il fango del sentiero e freme nelle nari quando l’usta dell’ orso arriva piccante e fulva a svegliare i suoi istinti. Si deve aver vissuto la pioggia gelata di una sera disperata, quando soltanto la bussola, il buon senso o la fede possono permetterti di ritornare al campo mentre i fulmini prendono a sberle le montagne e senti nella criniera piccole scosse elettriche come dita di folletti bianchi che pizzicano le tue dita. E la gioia di un sorso d’acqua fresca di sorgente quando giu’ a valle il caldo soffoca le citta’ e voi siete li, tu e il tuo cavallo e vi sentite eterni, forti, spacconi e a prova di pallottola. E poi il sapore del pane e del formaggio che un pastore generoso ti ha offerto in cambio di quattro, preziose chiacchiere e il volo del falco nel cielo e l’impronta del cervo laggiu’, accanto al torrente. E poi la notte davanti ad un fuoco piccolo di legna giusta. Il profumo della notte silenziosa, le fiamme che illuminano a tratti i cavalli. Le stelle, quante e che belle…lassu’ dove il mistero si fa immenso e tu hai la sensazione di essere meno di un filo’ d’erba storta dalla brina.
I cavalli al mattino. Salire a pelo sul tuo, e condurre gli altri bradi, come un indiano o un brigante verso il torrente. Ascoltare i loro sorsi sonori e perfetti nelle parole che l’acqua mormora con le rocce e tu alzi la testa e le foglie dei pioppi si muovono come tante manine di fate verdi e sibilano antiche canzoni nel primo vento del giorno.
E tornare. Dove la civilta’ attende inesorabile e tentatrice. Dove il mondo è fatto di asfalto e cemento e luci e cinema e centri commerciali.
Tornare, questo è difficile per quella gente li’. E quella gente lì siamo noi…
Sempre piu’ difficile.
Perche’ rifiutarsi di vivere domati e domestici è la loro maledizione, il loro destino e l’unica religione.
La natura selvaggia. I cavalli. Non serve altro, poiche’ questo racchiude tutto. Poesia, bellezza, eleganza, nobilta’, misticismo.
Sellare e andare. Andare via, lontano.
Lo hanno fatto poeti e pazzi, monaci e fuorilegge, esploratori ed esuli, emigranti e pellegrini, pastori e cercatori d’oro, uomini disperati, donne coraggiose. Anime randagie, bisognose di altrove, affamate di avventura.
E’ questo il sentimento che ti fa salire in arcione all’alba, il tuo baio lucido di pascolo e biada, il tuo coltello affilato, la tua borraccia piena. Nessuno ti premiera’ con coccarde e coppe. Non sarai nella computer list dei campioni, non ci saranno fotografi, applausi, grooms pronti a scattare.
Ma il premio ti aspetta lassu’ al campo base.
Il premio è l’andare. E’provare quel brivido li’. Che lo sai quando sei libero. Senza guinzagli. Senza giurie. Senza punteggi, penalita’,soprattutto senza tempo limite. Sei nel naturale esistere del mondo, in sella al tuo cavallo preferito. Sai che nessuno ti crederebbe mai, ma quando raggiungi la vetta, col fiume turchese e lucido a valle, il cielo blu come l’anima di un’ angelo e la foresta che respira accanto a te…lo sai che non cambieresti questo per le Olimpiadi.
Ed il gusto di trattenere in te questo segreto, l’aristocratico privilegio di poterlo condividere con il tuo cavallo ed il lusso di non conoscere la fretta fanno di te un cavaliere, ti distinguono dall’ atleta servo della medaglia, ti innalzano dalla plebea moltitudine di cavalcanti accecati dalla competizione, ti proclamano Vincitore del Campionato Mondiale della Liberta’ .
DREW MISCHIANTI

 

© Ranch-Academy.com 2017 | Proudly Powered by Wordpress | Website by