Tre giorni che già sono Storia…

Buck è appena andato via. C’è ancora nell’aria un pò di lui. Un profumo di  magica conoscenza e prodigioso talento difficili, impossibili da rendere a parole. Siamo felici, orgogliosi, soddisfatti ed ancora stupiti di avercela fatta anche questa volta ad avere LA LEGGENDA vivente con noi per il quarto anno consecutivo ed in esclusiva per l’Europa. Di tutti i suoi splendici clinics questo è stato ad unanime giudizio, il migliore. Profondo, spesso, ricco, pieno. Uno stage come mai prima. Un incontro speciale, un’occasione rara, una specie di piccolo miracolo durato tre giorni, in compagnia dell’ horseman più acclamato e stimato del mondo: BUCK BRANNAMAN. Insieme a noi i nostri studenti, i nostri amici e tanta gente da tutta l’Europa e perfino da Israele…Il corno dell’ adunata di BUCK ha saputo riunire tanti sotto lo stesso cielo per questo intenso “meet” dedicato ai cavalli ed a quello che significano per noi. Tanti ma non troppi. Il clinic era a numero chiuso e non per snobismo ma per diretta richiesta del Maestro. Pochi ma buoni. In modo da poter seguire ognuno con attenzione e scrupolo. E così è stato.

Il primo giorno abbiamo iniziato con il GROUNDWORK.  I fondamentali passi da fare per iniziare a costruire o ricostruire un corretto rapporto comunicativo ( con i cavalli ) basato sulla sensibilità ed il rispetto reciproci. Ore spese a capire, assorbire, studiare. Perchè quelli come noi non si accontentano delle apparenze, quelli come noi vanno a fondo alle cose. Attraverso le parole e la tecnica, dentro alla magia del FEEL ed oltre qualsiasi convenzione abbiamo respirato per giornate intere una sapienza che si è rilevata preziosa per ogni cavallo e cavaliere presenti od almeno per coloro che erano lì non soltanto per esserci, ma per crederci.  Buck ci ha parlato a lungo di TOM DORRANCE E RAY HUNT i suoi maestri, due indiscutibili geni dell’equitare, coloro che senza dubbio hanno segnato la Via. BUCK ha vissuto con Ray trent’anni, fianco a fianco, come un figlio devoto, un fiero scudiero, un soldato obbediente. Oggi BUCK BRANNAMAN è l’erede unico di questa leggendaria tradizione che ha saputo illuminare l’anima di milioni di cavalieri ed amazzoni in tutto il mondo.

Ringraziamo tutti coloro che ci hanno dato fiducia e fedeli, numerosi ed entusiasti hanno partecipato con gioia ed attenta intenzione a queste giornate di studio insieme a Buck  Brannaman & Ranch Academy. Grazie a quei cavalieri vogliosi di sapere che ci seguono in questo lungo difficile viaggio alla ricerca dei una conoscenza antica e misteriosa che ci porta DENTRO ai cavalli e ci aiuta a migliorare le nostre Vite. Il misticismo intrinseco in questo particolare Equitare non è mercanzia popolare ma un piccolo segreto da custodire nel cuore di pochi. Quei pochi che non si fermano alle apparenze. Che rifiutano le menzogne, che disdegnano la mediocrità e bramano all’ eccellenza. ECCELLENZA….strada difficile da seguire. Difficile ma non impossibile. Non siamo in tanti ma non siamo soli. ” I cavalli e la Vita hanno lo stesso significato per me..” dice Buck e come potremmo non essere d’accordo con questo pensiero…Sulla schiena della mia bionda cavalla matta, portata apposta al clinic, non per sfoggiare il mio migliore bridle horse ma per cercare di capire come arrivare all’ armonia con una cavalla considerata dai più ” difficile “…ho tradotto ogni ( più o meno ) parola di Buck cercando , nelle fasi più lunghe di riassumere un pensiero di una saggezza toccante, immersa in un lungo respiro fatto di sapienza. Non è stato facile, ma non ho mai cercato le cose facili…Insieme alla splendida ( nel cuore, nel corpo, nella mente e nel sorriso, nella speranza, nella totale assoluta lealtà… ) Natalia, siamo riusciti ad avere ancora una volta con noi LUI….il grande , immenso, mitico BUCK.

Il grande onore di essere amici stretti di BUCK ci spinge a fare sempre di più, seguiti da vicino da questo grande Uomo di Cavalli che ci lusinga con il suo fedele affetto da anni oramai… e saranno tante ancora le occasioni che ci vedranno insieme a BUCK qui in Europa e laggiù nell’ Ovest di quell’America Rurale sognata da molti, conosciuta da pochi, capita da alcuni… Ranch Academy va avanti, grazie ai grandi IMMENSI maestri che ha saputo avvicinare a questa scuola di vita. Ranch Academy cresce. Qualitativamente, nei contenuti, nei progetti, nei traguardi, nelle promesse. Chi è con noi lo sa…ci accontentiamo soltanto del meglio, senza eccezioni e quando si parla del meglio, crediamo proprio che BUCK BRANNAMAN sia “l’indiscutibile “…

Dietro le quinte, Buck è stato a casa nostra per circa dieci giorni, condividendo il desco e la conversazione e l’azione con un’eleganza ed un’armonia che lui solo sa. Davanti alla stufa calda e croccante di fiamma viva, con un dito di scotch nel bicchiere , abbiamo potuto ascoltare i racconti, le avventure, le idee, i pensieri, gli aneddoti ed i pezzi di preziosa vita insieme a RAY & TOM…ore a parlare di cavalli e di speranza. Ore lunghe e meravigliose tradotte poi in sella ai nostri cavalli o nelle nostre mani che facevano danzare nell’aria una corda cercando l’ ARTE in un mestiere antico, quello del Vaquero….Buck ci ha regalato giornate indimenticabili, come sempre. La sua squisita educazione e la ruvida buccia da cowboy fanno di lui un personaggio splendido, un genio affascinate e per noi un amico sincero, caro, immortale. Dulcis in fundo…al termine del clinic, la domenica, BUCK ha radunato tutti gli appassionati di RANCH ROPING per una stilosa e gustosa roppata comune…alla sua maniera. Fantastico, unico, gagliardo momento condiviso da noi ossessionati da questo antico mestiere…

Grazie BUCK e grazie a tutti Voi che avete nuovamente confermato, entusiasti, la vostra voglia di crescere, imparare, studiare, migliorare la vostra Vita con i Cavalli…

Grazie di cuore. Drew & Natalia. 

  1. bigropes Said,

    Ho avuto la fortuna e il privilegio anche quest’anno di essere presente al clinic di Buck e nel backstage… E’ il terzo clinic con lui…e il pensiero a mente fredda è quello di aver partecipato al migliore di tutti e tre!!! Quest’anno l’equilibrio tra le varie parti del clinic nelle tre giornate è stato perfetto e gli homeworks affidati grandiosi… Abbiamo tutti un sacco di lavoro da fare. Grazie Buck, ma soprattutto grazie Drew & Natalia, grazie Ranch Academy per portare il meglio del meglio quà in Italia!!!

    Ranch Academy: Ride with the BEST and F@@K the Rest!!!

  2. Marco Said,

    Tre giorni stupendi passati con i nostri cavalli, i nostri amici, i nostri maestri. Un grazie a Buck per aver condiviso con noi la sua horsemanship, la sua esperienza, la sua poesia, i suoi ricordi di Tom e Ray e la sua passione infinita. Un sincero grazie a Drew e Natalia per tutte le sorprese incredibili che ci avete regalato quest’anno, per i vostri consigli e per la vostra amicizia.

  3. Drew Said,

    Serata lunga per me questa…Buck è partito e sebbene lo rivedrò tra poco ha lasciato , come sempre un grande vuoto dietro di se. Cercherò di colmare questo vuoto esercitandomi nei mille compiti che mi ha lasciato con i cavalli ed il rope, con l’anima e con i muscoli…E’ stato come sempre meraviglioso avere VOI insieme a NOI…amici sinceri, studenti perfetti…GRAZIE, Drew

  4. Horse&Horse Said,

    E’ stato un clinic spettacolare, veramente bellissimo. Grazie Natalia e grazie Drew è stata un’opportunità incredibile….

  5. Katia Said,

    Come sempre bravi! Siete gli UNICI che riescono ad organizzare eventi del genere qui da noi e dovrebbero darvene merito tutti Ranch Academy è davvero una realtà di professionisti e di gente seria. Grazie a tutti . Katia.

  6. Alessandro Said,

    Clinic interessantissimo, toccante e veramente ben organizzato e Buck è proprio il numero uno, tornando ha casa ho davvero provato una bellissima sensazione di benessere e le cose che ho imparato sui cavalli mi saranno di grande aiuto certamente. Bella storia.

  7. PAOLO DINI Said,

    Come sempre Ranch Academy sorprende e colpisce diritto al cuore di uomini e cavalli !!!!!!!!!

  8. Drew Said,

    Grazie a voi per aver creduto ancora una volta in noi. Riuscire a portare qui Buck è davvero un impresa biblica. Buck veniva da Tokio dopo un lungo itinerario di oltre quaranta clinic in giro per il mondo. L’organizzazione e la logistica ci hanno davvero messi alla prova in quanto anche noi, nel nostro piccolo, avevamo molti clinics ed eventi da portare a termine paraticamente ogni settimana qui in Italia ed in USA. E’ stato faticoso tenere le redini di questo quarto spettacolare clinic di BUCK ma siamo talmente orgogliosi di avercela fatta che le fatiche si stanno pian piano dissolvendo con i giorni che passano. E’ stato uno stage molto amato da tutti e , ripetiamo, il migliore dei quattro che Buck ha portato qui da noi…come dice lui ” drew anche io non smetto mai di studiare ” . Grande Buck e grandi tutti voi soprattutto che avete investito tempo e denaro per migliorare la vostra vita attraverso un rapporto tecnico emotivo naturale con i vostri cavalli. DREW & NAT

  9. GioGaiba Said,

    E’ sempre curioso e stimolante accorgersi che cose (intendo esercizi o meglio passi di danza come vorrebbe Buck) che pensi di poter eseguire perfettamente e con semplictità, si rivelino, non così scontati davanti al grande maestro… perchè in realtà le imperfezioni nell’esecuzione o meglio “quel feel che non è mai abbastanza” fanno si che il “passo di danza” non esca perfetto… Di questo hai la certezza quando lui ti chiede di alzare il volume della radio, facendoti unire i passi in sequenza e tu non riesci a spiegare esattamente al tuo amico a 4 zoccoli ciò che vorresti…e il problema non è certo lui…
    Insomma, chi ha visto Buck danzare col cavallo come l’ho visto io sa cosa intendo…pensare di potersi avvicinare a quell’equitare, pensare di poterlo condividere con il mio amico palomino e la mia amica baia è uno stimolo incredibile.
    Renderti conto che non sei bravo come pensavi e che vale la pena fare qualche passo indietro e tornare su quella roba che davi quasi per scontata non ha prezzo… Grazie Buck per averci ancora una volta ricordato qual è la via.

  10. gio Said,

    Amo buck e voi sapete quanto ogni volta che lo vedi gli e lo dico sempre hahaha i love you!!!!!hahaha come fai a non amare un uomo cosi ?ti incanta guardalo lavorare con i cavalli è uno spettacolo vederlo lanciare in mandria ti fa rimanere a bocca aperta e quando parla ti ammalia starei ore ad ascoltarlo…….insomma non posso dire unico perché per me voi Drew e natalia siete il mio primo amore e come si suol dire IL PRIMO AMORE NON SI SCORSA MAI!come ho gia detto per franck i grandi sono intorno a voi.ciò che mi avete insegnato in questi anni e che continuare a fare con tutta la vostra passione è impagabile.grazie di cuore a buck e a voi come sempre.

  11. Drew Said,

    E’ così gratificante leggere le vostre parole amici miei…segno che tutte le fatiche sono state premiate dal vostro sorriso e dalla vostra soddisfazione…

Add A Comment

© Ranch-Academy.com 2019 | Proudly Powered by Wordpress | Website by